La campagna di Cittadinanzattiva Emilia Romagna per costruire il manifesto dei caregiver

Partecipa a costruire il manifesto “Ho diritto a …” campagna promossa da Cittadinanzattiva – Emilia Romagna in collaborazione con il “Coordinamento regionale delle Associazioni dei malati cronici” (CrAMC). Insieme ai caregiver chiediamo più diritti, più salute, più qualità di vita e MAI più invisibili.

Partecipa e afferma “HO DIRITTO A…” e per farlo compila il modulo al link: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSe4AbL868_Y6UDyZbvUP2UNWkOoYwAUXVNFdpIB0fOR1dhLCw/viewform?vc=0&c=0&w=1 entro il 28 febbraio 2020.

Chi sono i caregiver

In Italia, un vero e proprio esercito d’invisibili sostiene il welfare prestando cura a persone malate. Parliamo dei caregiver: genitori, partner, figli, fratelli, amici, vicini di casa che assistono una persona malata, senza alcun compenso.

I caregiver ritengono naturale il proprio dovere di accudimento e il loro lavoro rimane invisibile e solo tardivamente quando i problemi economici ma più frequentemente di salute fisica e psichica diventano impellenti si rivolgono ai servizi. Inoltre, l’assistenza non retribuita è diventata una delle più importanti questioni di politica sociale ed economica a livello nazionale.

I caregiver si fanno carico dell’enorme peso di prendersi cura a lungo termine di persone disabili, persone affette da patologie croniche/rare o degenerative.

Affrontano molte battaglie come la lentezza e la frammentazione delle risposte del sistema socio-sanitario, la burocrazia, le barriere fisiche e culturali e ciò avviene nel più completo isolamento senza una figura di accompagnamento.

I caregiver, a seconda delle fasi della malattia, svolgono compiti diversi: collaborano nell’assistenza durante l’ospedalizzazione, parlano con i medici, disbrigano le molte pratiche burocratiche, si occupano della famiglia, affrontano l’eventuale ristrutturazione della casa, si confrontano con il medico di base e con la rete socio sanitaria e nel quotidiano collaborano nell’alimentazione, nell’igiene personale, nella mobilità e facilitano le relazioni familiari e sociali.

Strategico è il suo ruolo perché può incidere sull’adattamento alla nuova condizione di malattia della persona favorendo così una migliore qualità di vita; per il sovraccarico di compiti spesso trascura la sua salute col rischio di diventare un “paziente nascosto”. Stare accanto ad una persona malata è un compito che può assorbire tutta l’attenzione fino a far perdere di vista la propria salute e il proprio benessere.

Spesso i caregiver, ignorano alcuni diritti e se ne sono a conoscenza li ritengono insufficienti.

PER TUTTI QUESTI MOTIVI, TI CHIEDIAMO DI PARTECIPARE ALLA CAMPAGNA: “HO DIRITTO A…”

In apertura: Pixabay.com

Segui #lepilloledicittadinanzattiva

#lepilloledicittadinanzattiva