Plastica e inquinamento, a Bologna una mostra per riflettere

“Planet or Plastic”: è questo il titolo dell’attesa mostra “targata” National Geographic che prova a far luce sul devastante impatto inflitto dalla plastica, quotidianamente, sul nostro pianeta e sui nostri mari. Organizzata da Genus Bononiae con il patrocinio del Comune di Bologna, l’esposizione vuole far riflettere sul tema dell’inquinamento ambientale grazie al potere di fotografie, video e installazioni esclusive, tra cui quelle della pluripremiata fotografa britannica Mandy Barker, da anni impegnata a studiare – insieme a ricercatori e scienziati – gli effetti della plastica in mare.

Un’occasione da non perdere, dunque, per avvicinarsi ad alcune scottanti questioni ambientaliste (dalla quantità di plastica prodotta nel mondo all’impatto sull’ambiente e sulla catena alimentare), ma anche per riflettere sulle possibili soluzioni, individuali e collettive, da adottare per ridurre questa minaccia, come l’educazione civica, il riciclo e il riuso.

L’inquinamento della plastica: qualche dato

Degli 8,3 miliardi di tonnellate di plastica fino ad ora prodotte, ben 6,3 sono diventati rifiuti che si sono depositati nell’ambiente e che sono destinati a scomparire non prima di 400 anni; il riciclo, infatti, riguarda una percentuale ancora troppo esigua di questo materiale.

Non tutti, poi, immaginano quanto sia distruttivo l’impatto della plastica sui nostri oceani. La plastica finita in mare – a causa di cattive politiche di gestione dei rifiuti urbani – mette in pericolo la vita degli animali marini accumulandosi in enormi isole galleggianti; con il passare del tempo si scompone in pezzi sempre più piccoli – microplastiche – che vengono ingeriti da uccelli, pesci e cetacei, che li scambiano per cibo. Risultato? Gli animali non riescono più a digerire e muoiono.

Per visitare la mostra e per saperne di più

La mostra, ospitata negli suggestivi spazi di Santa Maria della Vita (via Clavature 8-10), rimarrà aperta al pubblico tutti i giorni – ad eccezione del lunedì – dalle ore 10 alle 19, fino al 22 settembre 2019; per saperne di più, visitate il sito di Genus Bononiae.

In apertura: dettaglio della locandina della mostra tratta dalla pagina Facebook di Genus Bononiae

Segui #lepilloledicittadinanzattiva

#lepilloledicittadinanzattiva