Vicinanza solidale tra famiglie: che cosa si intende esattamente?

“Vicinanza solidale”: un parolone? No, a Bologna la vicinanza solidale è una realtà nata dalla collaborazione del Comune con l’ASP Città di Bologna. Ha come obiettivo quello di offrire sostegno a famiglie che si trovano in difficoltà nella gestione della loro quotidianità. La novità è che il “motore” dell’intervento d’aiuto è tutto nella solidarietà di altre famiglie o di singole persone! In una logica innovativa di condivisione di risorse, affiancano la famiglia in difficoltà per agevolarla nei compiti quotidiani.

Concretamente…che cosa si fa?

Qualche esempio? Le persone che si offrono come risorse nella vicinanza solidale tra famiglie possono aiutare un minore a svolgere i compiti, accompagnarlo a visite o attività sportive. L’aiuto può essere rivolto anche ai genitori, perché grazie a una mano concreta possano affrontare alcuni problemi “gestionali” della loro vita quotidiana (disbrigo di pratiche burocratiche, piccole azioni che favoriscano la conciliazione dei tempi di cura e di lavoro). O ancora perché si integrino nel territorio, allargando le “maglie” della loro rete sociale. L’idea che guida il progetto è quella di promuovere le capacità di ognuno: non è quindi richiesto di sostituirsi alla famiglia o ai genitori, quanto piuttosto di incentivarne capacità e risorse, in un’ottica di scambio virtuoso.

Come fare a dare la propria disponibilità?

Hai tempo e voglia di dare una mano? Compila la scheda (“schema di proposta”) che trovi allegata alla pagina web ufficiale del Comune e spediscila per posta elettronica all’indirizzo mail vicinanzasolidale@comune.bologna.it, secondo le indicazioni presenti sulla pagina dedicata al progetto. Se hai qualche dubbio rivolgiti allo Sportello sociale del tuo quartiere!

 

Segui #lepilloledicittadinanzattiva

#lepilloledicittadinanzattiva