Il progetto è stato presentato a fine 2018 e, nel 2025, è prevista la prima corsa della Linea Rossa del tram a Bologna: attraverserà tutta la città da est a ovest.

linea rossa tram bologna
linea rossa tram bologna

Secondo il PUMS (Piano Urbanistico per la Mobilità Sostenibile), a partire dall’anno prossimo (salvo imprevisti) cominceranno i lavori per la Linea rossa del tram che attraverserà tutta la città: da Borgo Panigale a Caab/Fico, passando per il centro. 

La prima delle 4 linee in cantiere: un incentivo per ridurre le emissioni di gas serra da traffico. Infatti, se 440 spostamenti giornalieri si trasferiranno dall’auto privata a mezzi ecocompatibili, come TP, bici o piedi, la riduzione dell’inquinamento sarà del 40%.

Le 4 linee percorreranno tutta la città per un totale di 53,5 km: la Linea rossa ne percorrerà 15. In centro il tram sostituirà completamente i filobus, per cui linee come il 13 saranno eliminate.

Si calcola, però, che un tram lungo 44 metri potrà trasportare due volte e mezzo il numero dei passeggeri che può contenere un autobus. Sulle 4 linee, quindi, potranno viaggiare fino a 323 mila passeggeri al giorno, se nelle fasce di punta riusciranno a raggiungere la frequenza di un viaggio ogni 15 minuti.

I cittadini si preparano, dunque, ad un cambiamento significativo del traffico e dell’assetto stradale. Per quanto riguarda i sensi di marcia, alcuni saranno modificati ed altri tratti non percorribili nemmeno da auto e moto. 1220 parcheggi saranno eliminati (soprattutto nel tratto centrale della linea, in città) e non compensati nel tratto da Porta San Felice a via Matteotti. Dulcis in fundo, il riassetto prevede anche l’abbattimento di un buon numero di alberi.

L’amministrazione comunale, però, ha già trovato alcune soluzioni: saranno individuate nuove aree verdi, un buon numero di parcheggi eliminati sarà compensato con nuove aree di sosta (soprattutto nella zona di Borgo Panigale) e con l’utilizzo di parcheggi multipiano interrati già esistenti.

 

Segui #lepilloledicittadinanzattiva

#lepilloledicittadinanzattiva