newsletter numero 5 del 21 ottobre 2015

realizzata nell’ambito del Programma generale di intervento 2013 della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

CITTADINI IN EMILIA ROMAGNA_a cura di Cittadinanza Responsabile

In primo piano

35 anni del Tribunale per i Diritti del Malato di Cittadinanzattiva: Qualcosa di noi 

Il 9 e il 10 novembre saranno due giorni intensi per Cittadinanzattiva Emilia Romagna. A Bologna festeggeremo i 35 anni del Tribunale per i Diritti del Malato, accogliendo la campagna itinerante “Sono malato anch’io. La mia salute è un bene di tutti” che ha già toccato quasi tutte le regioni d’Italia. Da oggi, fino al giorno dell’evento approfondiremo, in questa rubrica il valore e il ruolo che questo movimento di partecipazione ha avuto in Italia nel corso di questi 35 anni. Partiamo da Qualcosa di noi, la riflessione di Anna Lisa Mandorino, vice segretario generale di Cittadinanzattiva, sulla storia del TdM.  continua>>


Focus

Ama le tue ossa: 20 ottobre Giornata Mondiale contro l’Osteoporosi 

Come ogni anno il 20 ottobre si celebra in tutto il mondo la Giornata contro l’Osteoporosi. Complice anche EXPO, la International Osteoporosis Foundation, che da tempo si batte in favore della prevenzione e sensibilizzazione della malattia, ha scelto l’alimentazione come tema di questo 2015. Questo evento ci offre l’opportunità per un’attenta riflessione sulla malattia, sui fattori che la causano, su ciò che si può fare per prevenirla e anche per sfatare alcuni miti che la riguardano. continua>>

Primo report regionale sulle Politiche della Cronicità in Emilia Romagna

Cittadinanzattiva Emilia Romagna e le Associazioni dei Malati Cronici hanno collaborato per la redazione del primo Report regionale sulle Politiche della Cronicità in Emilia Romagna. Le associazioni hanno compilato un questionario in cui evidenziano le criticità della patologia da cui sono affetti i loro associati e gli aspetti che sovente non sono presi in consioderazione dal SSN nel momento in cui si decide di erogare terapie e dispositivi. continua>>


Salute

Perchè vaccinare i bambini è un dovere di cittadinanza

Continuando la riflessione iniziata la settimana scorsa sull’opportunità di vaccinare i bambini, è necessario partire dal concetto di kantiana memoria che “la libertà personale finisce dove inizia quella degli altri.” Ecco perchè. Non vaccinare i bambini, significa permettere a malattie che si credevano debellate, oppure ridotte a numeri insignificanti, di ripresentarsi e riprendere vigore, soprattutto oggi che lo spostamento da una parte all’altra della terra è facilitato, e che siamo in presenza di forti ondate migratorie da paesi dove queste malattie sono ancora molto presenti. continua>>

Le forme alternative di giudizio anche in sanità: Cittadinanzattiva ER da sempre favorevole

Da sempre Cittadinanzattiva Emilia Romagna si è battuta perchè il cittadino trovasse risposta alle sue problematiche di carattere giudiziario, soprattutto nel campo della sanità, nelle forme alternative di giudizio. Questa linea è stata sempre presente nella rifessione e nell’operato del segretario Franco Sisto Malagrinò. Oggi i fatti ci danno ragione. Sempre più cittadini fanno ricorso a forme di giustizia alternativa, più veloce.  continua>>

Cittadinanzattiva-TdM chiede il ritiro del DDL sulla responsabilità professionale sanitaria

Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato chiede il ritiro del DDL sulla responsabilità professionale sanitaria con una nota inviata al parlamento e lancia la petizione on line “Chi sbaglia in sanità, paghi” contro la riforma della responsabilità professionale sanitaria. Il disegno di legge attualmente in discussione in Parlamento cambia radicalmente l’impostazione delle procedure attuabili in caso di sospetto errore sanitario.  continua>>


Consumatori

Sgomberi a Bologna: ha veramente vinto la legalità?

La palazzina occupata dell’ex Telecom, in via Fioravanti a Bologna, è stata sgomberata. Dopo alcuni giorni di “trattative” tra il sindaco e gli assessori del Comune di Bologna che difendevano i cittadini lì residenti da una parte, e il questore e la procura di Bologna che difendeva la necessità di riportare la legalità e procedere allo sgombero dall’altra, la palazzina occupata ex Telecom è stata sgombrata dalle forze dell’ordine e i suoi abitanti trasportati altrove. Ha vinto la linea della legalità. Ma è veramente così? Si può parlare di legalità quando si mandano per strada persone che non hanno un posto dove stare e che hanno trovato alloggio in un edificio inutilizzato che non serve a nessuno per il momento?  continua>>

Un nuovo strumento a disposizione dei consumatori: lo sportello antitrust

Dal 12 ottobre 2015 è attivo lo “Sportello Antitrust”, lo strumento più diretto per inviare segnalazioni, scritte o vocali, all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Da oggi, è a disposizione del consumatore in testa alla colonna di destra che appare nell’home page del sito www.agcm.it. Lo “Sportello” servirà a raggruppare le diverse funzioni già svolte in precedenza e a convogliare le segnalazioni in arrivo.  continua>>

Quale cibo per i nostri figli?

Sicuramente tutti i genitori sono attentissimi e sensibili a quello che i loro figli mangiano alle mense scolastiche, ma quelli di Bologna lo sono particolarmente, tant’è vero che si sono in più occasioni fatti promotori di iniziative di sensibilizzazione nei confronti del comune, che piano piano ha recepito le loro richieste e ha migliorato il sevizio delle mense scolastiche, introducendo anche prodotti biologici e a Km0.  continua>>


per cancellarsi mandare una mail a: newsletter@www.cittadinanzattiva-er.it


In redazione: Anna Baldini, Franco Sisto Malagrinò, Tommaso Calia


Cittadinanzattiva Emilia Romagna

via Irma Bandiera 3/2, 40134 Bologna – telefono 051 199856063