Quanti sono coloro che, al posto del medico, ascoltano i consigli di amici e parenti e quelli di chi propone medicine alternative per curarsi?

prova per #lepillole

#straordinariamentenormali          #lepilloledicittadinanzattiva

#curarsidasoli


“Penso che sia una cosa molto importante mantenere un contatto con delle persone che hanno il tuo stesso problema […]. Penso che sia una cosa importante comunque confrontarti. Tra di noi, se uno sa qualcosa ci informiamo. Per esempio se succede qualcosa, chiediamo ‘capita anche a te?’ Magari anche per delle pomate, un esempio banale, però ci diciamo anche queste cose”.¹


I monitoraggi dell’Osservatorio Science in Society mostrano che nel 2018 un italiano su due ha adottato una terapia senza consultare nessun medico, o trasgredendo le sue prescrizione.
Tra questi, per il 20 % è addirittura consuetudine non seguire il parere del medico. La maggior parte di chi ignora il parere del medico, circa il 70%, ha dichiarato di cercare risposte su internet.
La forte centralità del tema-salute nella ricerca dell’informazione e le risposte immediate sono una delle cause di questo fenomeno.
Il successo del web è dovuto anche alla crescente individualizzazione delle scelte in materia di salute, divenuta prerogativa e sfera della propria libertà individuale.
Cercando risposte sul web non è necessario confrontarsi con nessuno, tanto meno con il proprio medico. Spesso, infatti, capita di non essere d’accordo con le terapie e le raccomandazioni che ci fanno sentire in obbligo anche quando non vogliamo.
Purtroppo anche una parte di coloro che si rivolgono con fiducia ai medici finiscono a volte per disattendere le prescrizioni e allontanarsi. Il comportamento frettoloso e la mancanza di attenzione e di chiarimenti sui dubbi sono alcune delle cause.
La tendenza alla diffusione dell’automedicazione, per qualsiasi motivo avvenga, può causare seri problemi ai singoli e alla salute pubblica.

Sottende innanzitutto una grave crisi di fiducia del paziente nei confronti dei medici, in particolare nei confronti dei medici di base, e sta sollevando molti interrogativi. Il più importante è: come sostenere e recuperare il rapporto di fiducia tra medico e paziente?
Cittadinanzattiva ha lanciato campagne promozionali per sensibilizzare tutte le parti interessate al tema. Il vademecum Cura di Coppia (in cui la coppia è costituita dal Medico e dal Paziente) si può visualizzare sul sito www.curadicoppia.it.
Maria Vittoria, cittadina di sana e robusta Costituzione

 

⇒ Sei anche tu un cittadino straordinariamente normale che vuole impegnarsi per l’ambiente? Vuoi lavorare con noi? Contattaci! 
⇒ Per appronfondire, clicca qui!

¹Tratto dalla ricerca L’audacia delle fragilità: persone con lesione midollare, caregiver e operatori ospedalieri si confrontano attraverso lo strumento della Medicina Narrativa. La ricerca è stata condotta presso il Montecatone R. I.-Imola nel 2017. Report finale a cura di Rossana Di Renzo e Marilena Vimercati. Gruppo di ricerca: Rossana Di Renzo, Maria Luisa Pozzi, Mirella Valdiserra, Marilena Vimercati. Sperimentatore principale: Claudia Corsolini, Montecatone R.I. Reclutamento PLM, caregiver e professionisti: Anna Neri, Montecatone R.I.

Segui #lepilloledicittadinanzattiva

#lepilloledicittadinanzattiva